Trento-Cuneo in finale a Roma!

08/05/2011

Trento-Cuneo in finale a Roma!
Battendo Casa Modena per 3-1 in un palasport gremito all'inverosimile, l'Itas Diatec Trentino si è qualificata per il V-Day che domenica 15 maggio a Roma assegnerà lo scudetto dove se la vedrà con la BreBanca Lannutti Cuneo, che ha regolato la Lube Banca Marche Macerata 15-12 al tie break. Si ripete dunque lo stesso epilogo dello scorso anno. Per i trentini - trascinati oggi di Jan Stokr - si tratta della quarta finale tricolore consecutiva.

5ª Giornata Semifinali (08/05/2011) - Play Off A1, Stagione 2010/2011


ITAS DIATEC TRENTINO - CASA MODENA 3-1 (25-23, 28-30, 25-22, 25-11)
ITAS DIATEC TRENTINO: Kaziyski 13, Birarelli 14, Della Lunga 4, Juantorena 15, Vieira De Oliveira 1, Sala 10, Sokolov, Colaci, Stokr 21, Bari (L). N.e. Leonardi, Zygadlo. All. Stoytchev.
CASA MODENA: Manià (L), Ciabattini, Fabroni, Kooistra 12, Mossa De Rezende 2, Dennis 17, Kooy 11, Casadei 1, Creus Larry 16, Casòli 7, Diaz, Piscopo 2. All. Bagnoli.
ARBITRI: Pasquali, Castagna. NOTE - Spettatori 4000, incasso 58000, durata set: 29', 37', 30', 25'; tot: 121'.

BRE BANCA LANNUTTI CUNEO - LUBE BANCA MARCHE MACERATA 3-2 (22-25, 25-20, 22-25, 25-23, 15-12)
BRE BANCA LANNUTTI CUNEO: Mastrangelo 13, Henno (L), Fortunato, Montagna, Wijsmans 13, Carletti, Grbic 2, Peda 1, Nikolov 21, Patriarca 13, Volkov 10. N.e. Galic. All. Giuliani.
LUBE BANCA MARCHE MACERATA: Lampariello, Savani 17, Paparoni (L), Vermiglio 2, Conte 14, Stankovic 10, Martino, Omrcen 28, Podrascanin 7. N.e. Marchiani, Vadeleux, Van Walle, Cacchiarelli. All. Berruto.
ARBITRI: Cesare, Boris. NOTE - Spettatori 4700, incasso 49000, durata set: 29', 29', 32', 31', 23'; tot: 144'.

La quinta e decisiva Gara di spareggio della Serie premia Trento, come era già successo nei Play Off 2005/06 quando contro lo stesso avversario la formazione gialloblù si impose per 3-2 e staccò il pass per le Semifinali. In questo caso sono invece bastati quattro set per avere ragione di una Modena a cui va in ogni caso l’onore delle armi per aver combattuto fino al terzo set, prima di perdere anche Dennis (contrattura muscolare alla coscia destra). Prima di un quarto set a senso unico, la gara ha riservato ancora una volta una battaglia punto a punto in cui la squadra di Stoytchev ha chiuso in proprio favore primo e terzo set dilapidando invece il secondo, parziale in cui Modena ha annullato tre palle set sul 24-21 per i padroni di casa prima di imporsi 28-30.
Alla distanza è quindi venuta a galla una maggiore incisività dei padroni di casa al servizio (8 ace, quattro solo di un super Juantorena), in attacco (61% di squadra) e a muro, dove ha brillato Emanuele Birarelli (5 stampi). A livello individuale di gran classe la partita di Stokr (63% a rete ed mvp come in gara 1), tornato sui suoi livelli dopo aver smaltito il problema alla schiena e dei centrali Birarelli e Sala, efficacissimi anche in primo tempo.
Modena ci ha creduto fino al terzo set poggiando le proprie speranze su Dennis, Creus Larry e Kooy; perso il primo ha però dovuto alzare bandiera bianca uscendo comunque fra gli applausi.

Jan Stokr (Itas Diatec Trentino): “Durante questa Serie abbiamo inevitabilmente sentito la pressione di dover vincere per forza essendo i favoriti della vigilia. Abbiamo accusato tante difficoltà ma ne siamo venuti fuori con il carattere e con il gioco meritando la qualificazione al V-Day. Siamo ovviamente contenti ma ora dobbiamo iniziare a pensare già alla sfida di Roma”.

Daniele Bagnoli (allenatore Casa Modena): “Abbiamo giocato una grande Serie e ci abbiamo creduto anche questa sera. L’infortunio a Dennis è stato determinante per le nostre ambizioni e questo è il modo peggiore per uscire dai Play Off. Sono molto arrabbiato; in relazione alle potenzialità delle due squadre abbiamo giocato meglio di loro. Ha vinto Trento e io faccio l’in bocca al lupo alla squadra di Stoytchev”.

In un PalaBreBanca tutto esaurito (5000 biglietti venduti in due giorni) va in scena il match che vale la finalissima di Roma, Gara 5 delle Semifinali Play Off tra la Bre Banca Lannutti Cuneo e la Lube Banca Marche Macerata. I tifosi cantano, e scrivono sui cartelli, “Difendiamolo questo tricolore” e gli uomini di Giuliani fanno il passo che serve per andare a difenderlo a Roma, nella Finale Scudetto. Al termine di una partita intensissima, la Bre Banca Lannutti ribalta la situazione che la vedeva sotto per 2 set a 1 e va a vincere al tie-break Gara 5, strappando il biglietto per la Finale.
Primo set equilibratissimo, caratteristica ormai scontata di questa Serie, ma i cuneesi, trascinati da un Nikolov srepitoso, riescono a portarsi ai due time out tecnici ogni volta sul +2 e ad allungare 17-14. Macerata però rientra sul 19 pari e trova i palloni decisivi Stankovic, che prima si procura il set ball con un muro su Nikolov (22-24) e poi lo realizza: 22-25. Macerata fa la differenza a muro in questo primo set (5 muri contro gli zero di Cuneo), mentre i piemontesi fanno segnare un 94% da record di ricezione positiva. Secondo set con Macerata che allunga subito a +3 (3-6), ma la Bre Banca Lannutti recupera sul 6 pari e passa a condurre, allungando 20-16 con due muri consecutivi (fondamentale che torna a ingranare, con Cuneo che ne mette a segno 6 contro i 2 dei marchigiani) e mantenendo il vantaggio (23-18) per chiudere 25-20. Tra i cuneesi cresce in attacco Patriarca (4 punti e il 57%), mentre la Lube Banca Marche paga la flessione di Omrcen che, dal 57% del primo set, scende al 33%. Macerata, con un ritrovato Conte, si aggiudica il 3° set. I marchigiani trovano il break del vantaggio già sull’11-14, ma Cuneo riesce a rientrare dal 13-17 al 17-18. La Lube trova però ancora una volta l’allungo decisivo, che le porta il set point sul 22-24, realizzato da Savani. E’ Cuneo a pareggiare i conti, chiudendo il 4° set dopo aver allungato +5 e aver arginato la rimonta della Lube sul finale (dal 24-20 al 24-23 con il turno in battuta di Conte). Tie-break con Cuneo subito avanti (8-6 al primo time out tecnico) e brava a mantenere la lucidità sui palloni cruciali, senza concedere agli avversari di rosicchiare terreno. A mettere giù l’ultima palla, quella che vale il V-Day a Roma, è Giuseppe Patriarca, poi premiato MVP dai giornalisti presenti. Miglior realizzatore del match Igor Omrcen con 28 punti, seguito da Vladimir Nikolov con 21.
Domenica a Roma la Bre Banca Lannutti Cuneo difenderà lo scudetto nella Finale Scudetto, ancora una volta dall’altra parte della rete ci sarà l’Itas Diatec Trentino (che ha battuto per 3-1 Modena).

Alberto Giuliani (allenatore Bre Banca Lannutti Cuneo): “Una vittoria meritata. Da parte dei ragazzi e di questi fantastici tifosi. E’ stato un match molto difficile, come sapevamo tutti, contro una Lube Banca Marche che ha dimostrato di essere in ottima forma. Stasera festeggeremo e domenica saremo a Roma per difendere lo Scudetto”.

Mauro Berruto (allenatore Lube Banca Marche Macerata): “Sono orgoglioso di questa squadra e faccio i complimenti a tutti i miei ragazzi. Stasera Cuneo è stata più forte e ha meritato. Naturalmente c’è molta amarezza, ma abbiamo fatto una stagione fantastica, giocata fino alla fine, come stasera”.


FINALE PLAY OFF SCUDETTO – V-DAY
Domenica 15 maggio ore 18.00 a Roma (Palalottomatica)
Itas Diatec Trentino – Bre Banca Lannutti Cuneo Diretta Rai Sport 2 dalle 17.30
Sigla.com - Internet Partner