Trento vince la Supercoppa italiana

01/11/2011

La festa di Trento per la conquista della Supercoppa italiana 2011La festa di Trento per la conquista della Supercoppa italiana 2011
La festa di Trento per la conquista della Supercoppa italiana 2011
ITAS DIATEC TRENTINO - BRE BANCA LANNUTTI CUNEO 3-1 (25-22, 25-20, 18-25, 25-20)
ITAS DIATEC TRENTINO: Kaziyski 10, Birarelli 10, Della Lunga, Juantorena 16, Zygadlo, Vieira De Oliveira 1, Lanza,  Djuric 8, Colaci (L), Stokr 18, Bari (L). N.e. Sokolov, Burgsthaler. All. Radostin Stoytchev.
BRE BANCA LANNUTTI CUNEO: Mastrangelo 10, Henno (L), Ngapeth 5, Fortunato 3,  Wijsmans 12, Vissotto Neves 28, Grbic 8, Patriarca 5, N.e. Van Lankvelt, Rossi, Pieri, Baranowicz, Caceres. All. Flavio Gulinelli.
ARBITRI: Daniele Rapisarda e Vittorio Sampaolo.
NOTE - Spettatori 3900, incasso 37000, durata set: 28', 28', 25', 26'; tot: 107'.

La Supercoppa MONDO entra per la prima volta nella bacheca dell’Itas Diatec Trentino. Al terzo tentativo la formazione di Radostin Stoytchev porta a casa il trofeo che ancora le mancava battendo per 3 a 1 la rivale Bre Banca Lannutti Cuneo. Il pubblico sardo, accorso numeroso al PalaRockefeller (tutto esaurito, 3925 presenze al palasport di Cagliari con la gente anche in piedi ad applaudire i campioni) riabbraccia con grande calore ed entusiasmo il grande volley regalando un bellissimo colpo d’occhio alle telecamere di Rai Sport 1 che hanno ripreso l’evento. Senza esclusione di colpi, Trento e Cuneo hanno giocano un match di altissimo livello, rivincita della Supercoppa della scorsa stagione giocata a Torino. Questa volta però sono stati Kaziyski e compagni ad alzare, sotto una pioggia di coriandoli gialloblù, la Supercoppa MONDO. MVP del match è stato eletto Jan Stokr.
Le due squadre non si risparmiano fin dall’inizio, regalando subito grande spettacolo al pubblico del PalaRockefeller. L’Itas Diatc Trentino dà un primo strappo al match portandosi sul 7 a 4 ma il muro di Mastrangelo ristabilisce il pari a 7. L’ex Cagliari Stokr ferma l’attacco di Wijsmans per il +2 Itas Diatec Trentino (12-10) e sempre l’opposto di Trento sfrutta una rigiocata per il 14 a 11 ed il time out di Flavio Gulinelli. Alla seconda sosta tecnica +4 per i trentini grazie alla difesa di Birarelli su Mastrangelo e al contrattacco punto di Kaziyski. Azione lunga portata a casa dalla Bre Banca Lannutti (16-14) che poi pareggia con la firma al servizio di Grbic: due ace per il 16 a 16 (tempo Stoytchev). Terzo servizio vincente del palleggiatore cuneese e sorpasso (16-17). Tempo per Gulinelli dopo un fallo di invasione fischiato a Wout Wijsmans (22-21). Birarelli blocca a muro Fortunato (23-21) e l’Itas Diatec Trentino tiene il vantaggio fino alla chiusura del set con l’ace diJuantorena (25-22).
Flavio Gulinelli interrompe subito il gioco dopo l’ace di Juantorena (4-2), che poi blocca a muro Ngapeth per l’8 a 5. Fatica la ricezione di Cuneo e Trento ne approfitta con il primo tempo di Djuric. Doppia fischiata a Grbic e Trento vola sul 12 a 7 anche grazie alle grandi giocate di Stokr (time out Gulinelli). La Bre Banca Lannutti Cuneo fatica a trovare sbocchi in attacco visto che l’Itas Diatec Trentino contiene con il muro e la difesa tutti i tentativi di Wijsmans e compagni, contrattaccando poi con continuità con il solito Jan Stokr (16-9). Gulinelli pesca prima dalla panchina Rossi per Fortunato e poi Patriarca per Ngapeth. Cambi che provano a dare una scossa insieme alle giocate di Gigi Mastrangelo (19-14, tempo Stoytchev). Vissotto blocca nel giro di poche azioni prima Kaziyski e poi Juantorena per il -3 della Bre Banca Lannutti Cuneo (20-17). Due errori di Cuneo (battuta sbagliata di Mastrangelo e primo tempo in rete di Rossi) constano caro alla squadra di Gulinelli (23-18) che prova a dare l’ultimo assalto a Trento con l’ace di Vissotto (23-20) ma che si deve arrendere dopo il grande muro di Birarelli (25-20).
La squadra di Flavio Gulinelli entra agguerrita nel terzo set piazzando subito un break di 4 a 0 fatto di muri, difese e contrattacchi. Quella di Stoytchev, dopo il time out, risponde subito con l’ace di Juantorena (3-4). Tap-in vincente di Djuric dopo la ricezione lunga di Ngapeth che viene chiamato in panchina (dentro Fortunato). Ace di Kaziyski che manda in vantaggio l’Itas Diatec Trentino alla prima sosta tecnica (8-7). Muro di Vissotto per il sorpasso di Cuneo (11-12) che poi vola alla pausa tecnica sul 13 a 16 grazie all’ace del verdeoro piemontese. Altra battuta vincente di Vissotto seguita poco più avanti da quella di Wijsmans (15-19). Nonostante i tentativi di rientro di Trento, Cuneo tiene ben stretto il vantaggio (17-22). Grbic in battuta propizia prima il tap-in vincente a Mastrangelo e poi tira l’ace del 17-24. Si va al quarto set dopo l’errore di Lanza, entrato per Juantorena, al servizio (18-25)
Patriarca saldamente in campo per Cuneo ad inizio quarto parziale. L’allungo in partenza è dell’Itas Diatec Trentino con il muro di Jan Stokr su Wijsmans (8-5). Dopo un punto a punto emozionante, ad interrompere la fase di equilibrio è Mitar Djuric con due block consecutivi (16-11). Altro muro trentino, questa volta di Matej Kaziyski (17-11). Sembra finita, ma Cuneo non molla e con due muri di Mastrangelo e Vissotto e l’ace di Grbic tiene tutto aperto (22-19). L’azione che regala la Supercoppa MONDO all’Itas Diatec Trentino è spettacolare, con una gran difesa di Colaci e il contrattacco punto dell’MVP Jan Stokr (25-20).

Jan Stokr (MVP, Itas Diatec Trentino): “Sono molto contento perche non è stato facile vincere questa partita. Fisicamente e mentalmente eravamo pronti ad affrontare una squadra come Cuneo, partendo forte nei primi due set. Dopo un leggero calo nel terzo set, siamo riusciti a prendere un bel margine nel quarto, frazione in cui forse ho faticato di più rispetto ai primi due ma alla fine siamo riusciti a festeggiare questa vittoria. In un periodo con così tanti impegni, fatto di numerose partite e trasferte, è il risultato quello che conta”.

Andrea Bari (Itas Diatec Trentino): “Una partita giocata forse con qualche sbavatura di troppo ma alla fine abbiamo ottenuto una grande vittoria a cui tenevamo molto. Lavoriamo sempre molto in palestra per affrontare gare di questo genere e questo è il successo che premia gli sforzi fatti fino ad ora da parte di tutti. È una vittoria del gruppo”.

Emanuele Birarelli (Itas Diatec Trentino): “Siamo certamente molto felici per questo risultato. Abbiamo portato a casa il trofeo che ancora mancava alla nostra Società e questo ci rende tutti orgogliosi per quello che abbiamo fatto fino ad ora. È stata una partita dura, giocata da due squadre magari non al top della forma per via dei tanti impegni di questo periodo. Conoscevamo la forza a muro e al servizio dei nostri avversari e si è visto durante una partita in cui abbiamo cercato in tutti i modi di metterli in difficoltà nella lettura del nostro gioco. Abbiamo giocato due buonissimi set e, nonostante il calo nel terzo, siamo riusciti a partire molto bene nel quarto conquistando un break importante che ci ha consentito di chiudere il match a nostro favore”.

Leandro Vissotto (Bre Banca Lannutti Cuneo): “Loro sono veramente forti. Abbiamo cercato in tutti i modi di contenere il loro servizio e giocare al loro livello. Abbiamo approfittato del loro calo nel terzo set per riaprire il match, ma nel quarto sono saliti nuovamente di intensità, ritornando a giocare come nei primi due set. Dobbiamo migliorare come ritmo di squadra per poter competere contro una squadra di questo livello”.

Luigi Mastrangelo (Bre Banca Lannutti Cuneo): “Siamo logicamente dispiaciuti per il risultato. Loro sono veramente forti ed è per questo che dobbiamo porci come obiettivo quello di arrivare a giocare come loro. Siamo due squadre che possono fare la differenza al servizio e loro stasera lo hanno fatto meglio di noi”.

Flavio Gulinelli (allenatore Bre Banca Lannutti Cuneo): “Trento è una squadra che ha una qualità ed una continuità di gioco di assoluto livello. Per giocarci contro dobbiamo essere sul loro stesso livello. Questa sera abbiamo forse non siamo stati molto continui in attacco, a differenza del muro e della battuta dove ci siamo comportati bene . Manchiamo comunque di continuità ma nei picchi di gioco abbiamo giocato alla pari con loro”.

Albo d’oro Supercoppa Italiana
1996 Alpitour Traco Cuneo
1997 Casa Modena Unibon
1998 Sisley Treviso
1999 TNT Alpitour Cuneo
2000 Sisley Treviso
2001 Sisley Treviso
2002 Noicom Brebanca Cuneo
2003 Sisley Treviso
2004 Sisley Treviso
2005 Sisley Treviso
2006 Lube Banca Marche Macerata
2007 Sisley Treviso
2008 Lube Banca Marche Macerata
2009 CoprAtlantide Piacenza
2010 Bre Banca Lannutti Cuneo
2011 Itas Diatec Trentino
Sigla.com - Internet Partner