Vincono tutte le squadre italiane nelle coppe europee maschili

16/11/2022

CEV Champions League 2023
Bottino pieno per le tre italiane, tutte a segno per 3-1 in trasferta nella seconda giornata della Pool Phase

CEV Champions League 2023 – Pool Phase, Leg 2

Tours VB - Cucine Lube Civitanova 1-3 (25-20, 20-25, 22-25, 13-25) – Tours VB: De Barros Ferreira 11, Derouillon 0, Nascimento Dos Santos 10, Palonsky 9, Chauvin 0, Drame Neto 24, Diez (L), Coric 4, Monteiro De Santana 0, Klajmon 1, Parkinson 4. N.E. Pelvet, Le Goff. All. Fronckowiak. Cucine Lube Civitanova: Garcia 0, D'Amico 0, Balaso (L), Zaytsev 13, Chinenyeze 10, Nikolov 13, Diamantini 2, Gottardo 0, De Cecco 3, Anzani 1, Bottolo 0, Yant 19. N.E. Sottile, Ambrose. All. Blengini. Arbitri: Szabo-Alexi, Simic. NOTE – durata set: 26′, 29′, 30′, 24′; tot: 109′.

Cez Karlovarsko - Trentino Itas 1-3 (19-25, 20-25, 25-21, 13-25) - Cez Karlovarsko: Weir 5, Pfeffer (L), Lamanec 2, Zajicek 7, Juhkami 3, Keemink 1, Sasak 16, Kasan 0, Pastrnak 0, Wiese 12, Ihnat 13, Kocka (L). N.E. Patocka. All. Novak. Trentino Itas: Kaziyski 11, Nelli 1, D'heer 0, Dzavoronok 2, Michieletto 8, Sbertoli 3, Laurenzano (L), Lavia 21, Podrascanin 7, Lisinac 16. N.E. Cavuto, Pace, Berger, Depalma. All Lorenzetti. – Arbitri: Szabo, Akinci. Note – durata set: 24′, 24′, 26′, 20’; tot: 94′.

Ziraat Bank Ankara - Sir Sicoma Monini Perugia 1-3 (26-24, 22-25, 20-25, 23-25) – Ziraat Bank Ankara: Atanasov 13, Ter Maat 25, Bulbul 5, Tokgoz (L), Eksi 1, Tuinstra 12, Tosun 0, Gunes 7, Baykraktar (L), Yatgin 0. N.E. Yucel, Firincioglu, Sahin, Gedik. All. Kavaz. Sir Sicoma Monini Perugia: Giannelli 5, Rychlicki 19, Leon 19, Piccinelli (L), Solè 10, Russo 7, Colaci (L), Gualberto 1, Semeniuk 9, Plotnytskyi 6, Cardenas 0. N.E. Herrera, Mengozzi. All. Anastasi. – Arbitri: Bensimon, Aro. Note - durata set: 32', 31', 29', 31'; tot: 123'


Serata perfetta per le formazioni di SuperLega Credem Banca impegnate nell’edizione 2023 della Cev Champions League, che si aggiudicano tre vittorie in trasferta, tutte col punteggio di 3-1. Civitanova piega il Tours, mentre Perugia e Trento, prossime avversarie in SuperLega domenica 20 novembre, rientrano dalle trasferte in Turchia e in Repubblica Ceca con l’intera posta in palio.

I Campioni d’Italia della Cucine Lube Civitanova si prendono la vetta solitaria della Pool C grazie al 3-1 contro il Tours VB. Gli uomini di Chicco Blengini partono contratti e vanno sotto di un set, ma si rialzano e spezzano la striscia positiva del Tours piegando in quattro set i transalpini con una prova concreta e lontana anni luce dalla prestazione di pochi prima con Cisterna. Menzioni speciali per i colpi di Yant (MVP, 19 punti con il 48%), le giocate di Nikolov e Zaytsev (entrato dalla panchina nel primo set e rimasto in campo), e l’estro di De Cecco, autore anche di 4 block. Nel Pool D la Trentino Itas conquista la seconda vittoria nel girone (quarta consecutiva comprendendo quelle in SuperLega Credem Banca) riuscendo a mettere in campo la giusta cattiveria agonistica e a venire a capo di alcune situazioni di gioco non semplicissime, come in avvio di primo set (subito sotto 4-8) o nel corso dell’intero terzo periodo (passato a rincorrere, senza fortuna, l’avversario). In entrambi i casi la reazione messa in atto subito dopo dai gialloblù è stata fondamentale e convincente. A spostare l’ago della bilancia verso il versante trentino ci hanno pensato Daniele Lavia (MVP e top scorer con 21 punti ed il 57% a rete oltre a quattro muri vincenti) e Srecko Lisinac (16 palloni vincenti, col 77% in primo tempo, tre ace ed altrettanti block). Vittoria in rimonta nella Pool E per la Sir Sicoma Monini Perugia che, dopo aver perso il primo set, espugna il palasport dello Ziraat Bank Ankara 1-3 e conquista il suo secondo successo pieno nel girone. Partita dura alla TVF SC Baskent Sports Hall con i padroni di casa autori di una prestazione di alto livello che ha costretto i Block Devils a giocare un match per larghi tratti punto a punto. In evidenza il capitano Leon, tornato dal primo pallone dopo l’infortunio in Del Monte® Supercoppa (18 punti col 50% in attacco e 3 ace) e l’MVP Rychlicki, miglior realizzatore dei suoi con 21 palloni vincenti, 2 ace, 1 muro ed il 69% in attacco (100% su 6 attacchi nel terzo set).

I prossimi match europei dei tre club italiani sono previsti tra meno di due settimane: il terzo turno, composto da altrettanti incontri casalinghi, vedrà Civitanova contrapposta ai belgi del Roeselare, Perugia ai tedeschi del Dueren, mentre la Blm Group Arena di Trento ospiterà il re-match della scorsa SuperFinal, tra Trentino Itas e i polacchi dello Zaksa.
 

CEV Champions League 2023 – Pool Phase, Leg 3

Pool C
Mercoledì 30 novembre 2022, ore 20.30
Cucine Lube Civitanova – 
Knack Roeselare (BEL)

Pool D
Martedì 29 novembre 2022, ore 20.30
Trentino Itas
 - Grupa Azoty Kedzierzyn-Kozle (POL)

Pool E
Martedì 29 novembre 2022, ore 19.00
Sir Sicoma Monini Perugia
 - SWD Powervolleys Dueren (GER)

 

 

CEV Cup 2023
Modena e Piacenza passano il turno: il doppio 3-1 porta le emiliane agli Ottavi, dove affronteranno le turche Arkas e Fenerbahce


CEV Cup 2023 - 16th Finals, Away Matches

VK Lvi Praha – Gas Sales Bluenergy Piacenza 3-1 (19-25, 26-28, 25-23, 21-25) – VK Lvi Praha: Krisko 8, Daniel 0, Vodicka 10, Krca 0, Monik (L), Tibitanzl 2, Schouten 0, Pliasetskyi 0, McCarthy 9, Todua 4, Kollator 26, Smith 8, Janouch 1. N.E. Salek. All. Barrial. Gas Sales Bluenergy Piacenza: Basic 5, Hoffer (L), Recine 3, Alonso 8, Brizard 5, Santos Souza 12, Leal Hidalgo 23, Scanferla (L), Cester 2, Romanò 9, Caneschi 5, De Weijer 3. All. Bernardi. – Arbitri: Hakkarainen, Taran. Note – durata set: 27′, 34′, 28′, 30′; tot: 119′.

Valsa Group Modena - Ford Levoranta Sastamala 3-1 (21-25, 25-20, 25-20, 25-18)– Valsa Group Modena: Mossa De Rezende 2, Marechal 1, Sanguinetti 11, Ngapeth 13, Sala 5, Krick 10, Lagumdzija 9, Salsi 1, Rossini (L), Malavasi 1, Rinaldi 9. N.E. Gollini, Stankovic. All. Giani. Ford Levoranta Sastamala: Sivula 16, Pennanen (L), Allik 8, Vuori 2, Bonin 3, Esko 1, Ekman 7, Karjarinta 1, Leinonen 3, Laakso 1, Makinen 9. N.E. Oiguss. All. Kangaskokko. – Arbitri: Krol, Cormie. Note - durata set: 25', 23', 25', 19'; tot: 92'.

Modena e Piacenza non sbagliano: le due italiane impegnate in CEV Cup bissano entrambe il successo dell’andata col punteggio di 3-1, ed approdano agli Ottavi di Finale della competizione.

La Bluenergy Daiko Piacenza continua la sua corsa in Europa: in poco meno di un’ora di gioco i biancorossi si assicurano il passaggio del turno con la vittoria dei primi due set, forti del 3-0 dell’andata. Il primo conquistato con autorità, il secondo combattuto fino all’ultimo punto e vinto sprecando tre set point ma anche annullandone uno ai padroni di casa. Sugli scudi il brasiliano Lucarelli, autore degli ultimi tre punti nel parziale, ha rimesso in linea di galleggiamento la barca. Il terzo e il quarto set, disputati con pura valenza statistica, vengono archiviati uno dai cechi e uno dai biancorossi. Approda agli Ottavi anche la Valsa Group Modena che, dopo aver concesso il primo set ai finlandesi del Sastamala, conquista secondo e terzo parziale grazie alle fiammate dei suoi nella fase centrale del set. Doppia cifra per Ngapeth (13) e per i due centrali Sanguinetti (11) e Krick (10). Nel quarto set c’è spazio anche per l’esordio del classe 2005 Malavasi.

I due club emiliani torneranno a calcare palcoscenici europei a fine novembre, e ad entrambe toccherà un avversaria turca: la Bluenergy Daiko dovrà vedersela il 30 novembre col del Fenerbache HDI Istanbul, la Valsa Group affronterà invece l’Arkas Izmir, con data da definire tra il 29 novembre e il 1 dicembre. Modena giocherà la gara di andata in trasferta e ritorno (ed eventuale golden set) in casa. Discorso inverso per Piacenza che, partendo da un ranking più basso rispetto ai connazionali, comincerà gli Ottavi al PalaBancaSport.

CEV Cup 2023 - 8th Finals, Home Matches

8th Finals
Mercoledì 30 novembre 2022, ore 20.30
Bluenergy Daiko Piacenza 
- Fenerbahce HDI Istanbul (TUR)

8th Finals
Data da definire (29/11-1/12)

Arkas Izmir (TUR) - Valsa Group Modena

CHAMPIONS LEAGUE MASCHILE
Trebien Cucine Lube! Trasferta francese da ricordare per i campioni d’Italia, che si prendono la vetta solitaria della Pool C di CEV Champions League grazie alla seconda vittoria in altrettante partite stagionali nel massimo torneo continentale! Gli uomini di Chicco Blengini partono contratti e vanno sotto di un set, ma si rialzano e spezzano la striscia positiva del Tours VB piegando in quattro set (25-20, 20-25, 22-25, 13-25) i transalpini con una prova concreta e lontana anni luce dalla prestazione di pochi giorni fa a Cisterna.

Menzioni speciali per i colpi di Yant (MVP, 19 punti con il 48%), le giocate di Nikolov e Zaytsev (entrato dalla panchina nel primo set e rimasto in campo) e l’estro di De Cecco, autore anche di 4 block. Sul fronte opposto si mette in evidenza Abouba, top scorer con 24 punti.

Nella terza giornata del raggruppamento, mercoledì 30 novembre (ore 20.30) i cucinieri saranno di scena in Belgio nel quartier generale dello Knack Roeselare, vittorioso al tie break sul campo dello Sport Lisboa e Benfica.

La partita

Cucine Lube Civitanova in campo con De Cecco al palleggio per l’opposto Garcia, Yant e Nikolov in banda, Anzani e Chinenyeze al centro, Balaso libero. Transalpini schierati con Coric al palleggio il finalizzatore Abouba, in banda Joao Rafael e Palonsky, al centro Nascimento e Parkinson, libero Diez.

Nel primo set i padroni di casa attaccano con il 45% e sfruttano la mano calda di Abouba (6 punti con il 67%) e, allo stesso tempo, chiudono i varchi a muro contro una Lube poco precisa (10-4). Blengini dà spazio a Zaytsev per Garcia. I francesi ricevono e difendono meglio (14-7). I biancorossi provano a risalire (15-10), ma i transalpini continuano a battere forte e restano compatti a muro (18-10). Tra i biancorossi in campo c’è anche D’Amico per aiutare in difesa, ma è Yant a riaccendere la luce con un tocco d’astuzia e un ace (20-15). Entrano in successione Gottardo e Bottolo. Chiude Joao con il suo quinto punto (25-20).

Zaytsev resta in campo nel secondo set. La Lube trova il +2 dopo il muro di Yant (3-5), ma il Tours pareggia con l’ace di Nascimento (5-5). Si procede a strappi, con i biancorossi aggressivi (5-7) e il Tours ostico al servizio con Joao (7-7). I padroni di casa rispondono colpo su colpo fino al break di 6 a 0 dei cucinieri aperto da una stoccata di Yant (7 punti nel set con il 75% e un block) e chiuso dall’infrazione degli avversari (15-21). Tra i francesi entrano Derouillon e Monteiro. Nel finale i transalpini rosicchiano punti (19-23), ma capitolano sul servizio a rete di Coric (20-25). I 3 ace nel parziale non salvano il Tours contro una Lube che attacca con il 71% e mura meglio (3 a 1).

Nel terzo set la Lube vince il duello in attacco (67% contro il 62%). Il Tours è “Abouba-dipendente” (9 punti con 70%), ma deve fare i conti con il gioco arioso di De Cecco. Combattutissimo l’avvio, con la Lube che prova a tenere l’inerzia con Zaytsev e Yant (6-8). L’uno-due di Abouba dai nove metri porta avanti il Tours (10-9). Si procede a braccetto fino al turno al servizio di Marlon che trova un ace e altri servizi pericolosissimi (16-20). In una fase delicatissima, il Tours dimezza il divario (20-22). Nell’accesa conclusione del parziale, il primo tempo di Chinenyeze regala tre palle set a Civitanova (21-24). Al secondo tentativo per la Lube è lo Zar a chiudere i conti in attacco (22-25).

In avvio di quarto set i campioni d’Italia mettono il turbo (2-8), ma il Tours rientra in gioco con il servizio (6-8). Le prodezze di Nikolov, un’infrazione dei padroni di casa e l’ace di Zaytsev riconsegnano a Civitanova un cospicuo vantaggio (9-16). I francesi sono nel pallone e non trovano più soluzioni convincenti. Yant ha vita facile a muro e Joao non trova il campo (11-19). Le prodezze di Zaytsev e l’attacco finale di Diamantini danno la vittoria alla Lube (13-25).

Le dichiarazioni

GIANLORENZO BLENGINI (allenatore): “Dopo una sconfitta come quella di domenica eravamo consapevoli che sarebbe stato difficile. Tours veniva da una fila di vittorie importanti. Credo che la squadra abbia dimostrato capacità di non scomporsi. Dopo un primo set giocato male siamo riusciti a fissare due o tre obiettivi e l’abbiamo girata anche grazie alla panchina. Credo che la squadra in questo abbia il proprio punto di riferimento, la rotazione dei giocatori è importante”.

LUCIANO DE CECCO: “Abbiamo giocato bene. Il primo set c’è stata un po’ di sofferenza ma è normale, loro sono una grande squadra e giocano una pallavolo di alto livello. Ci hanno messo un po’ alla prova. L’importante è che dal secondo set abbiamo chiarito le basi e fatto delle cose giuste: in battuta, a muro, in difesa. È stata una partita in crescita, molto importante”.

FABIO BALASO: “Sapevamo che non sarebbe stata una partita facile e loro ci hanno messo difficoltà da subito con la battuta. Eravamo consapevoli che ci sarebbero stati due o tre turni al servizio molto importanti e proprio in quei momenti abbiamo sofferto. Dal secondo set ci siamo messi in testa che in quei turni dovevamo cambiare subito. Abbiamo lavorato molto bene con l’attacco di palla alta, siamo stati bravi e piano piano abbiamo migliorato la nostra fase break con muro e difesa”.

Il tabellino

TOURS VB: Joao 12, Derouillon, Nascimento Dos Santos 10, Palonsky 7, Chauvin, Abouba 24, Diez (L), Le Goff (L) ne, Coric 4, Klajmon, Parkinson 4. All. Fronckowiak.

CUCINE LUBE CIVITANOVA: Garcia Fernandez, Sottile ne, D’amico (L), Balaso, Zaytsev 12, Chinenyeze 10, Nikolov 14, Ambrose (L) ne, Diamantini 2, Gottardo, De Cecco 4, Anzani 1, Bottolo, Yant Herrera 19. All. Blengini.

ARBITRI: Szabo-Alexi (ROU), Simic (SRB)

PARZIALI: 25-20 (26’), 20-25 (27’), 22-25 (30’), 13-25 (24’). Totale: 1h 47’.

NOTE: Tours: battute sbagliate 20, ace 7, attacco 46%, ricezione 51% (29% perfette), muri vincenti 6. Lube: battute sbagliate 10, ace 4, attacco 51%, ricezione 25% (46% perfette), muri vincenti 13. MVP: Yant.

La prima lunga trasferta internazionale della stagione non toglie smalto e determinazione allo splendido momento di forma gialloblù. Questa sera la Trentino Itas ha infatti dato seguito al filotto di quattro vittorie consecutive da cui era reduce, espugnando anche la Sport Hall Indoor di Karlovy Vary, campo del ČEZ Karlovarsko, in quattro set nel match valido per il secondo turno della Pool D di 2023 CEV Champions League.
Un successo che conferma la formazione di Angelo Lorenzetti in testa alla classifica del suo raggruppamento alla vigilia dello scontro al vertice di SuperLega a Perugia (domenica pomeriggio) e, guardando più in là, anche a quello del 29 novembre, quando alla BLM Group Arena arriverà il Kedzierzyn-Kozle per stabilire la leadership nel girone europeo al termine del girone d’andata.
Come accaduto nel recente passato, anche oggi la formazione trentina è riuscita a mettere in campo la giusta cattiveria agonistica e a venire a capo di alcune situazioni di gioco non semplicissime, come in avvio di primo set (subito sotto 4-8) o nel corso dell’intero terzo periodo (passato a rincorrere, senza fortuna, l’avversario). In entrambi i casi la reazione messa in atto subito dopo dai gialloblù è stata fondamentale e convincente, cosa che ha consentito di volare sul 2-0 prima e poi di stravincere anche il quarto parziale dopo, quando i padroni di casa si erano illusi di poter ancora aggiustare il risultato. A spostare sempre l’ago della bilancia verso il versante trentino ci ha pensato l’eccezionale serata di Daniele Lavia (mvp e best scorer con 21 punti ed il 57% a rete oltre a quattro muri vincenti) e la continuità al centro della rete di Srecko Lisinac, diventato col passare del tempo sempre più protagonista (16 palloni vincenti, col 77% in primo tempo, tre ace ed altrettanti block), in una partita in cui Kaziyski e Michieletto hanno faticato più del solito ad andare a referto. Poco male, perché la Trentino Itas ha messo sul piatto altre armi, trovando una ottima prestazione corale a muro (12 vincenti) ed in battuta (7 punti con appena nove errori).

Di seguito il tabellino della gara del secondo turno della Pool D di 2023 CEV Champions League, giocata questa sera alla Sport Hall Indoor di Karlovy Vary.

ČEZ Karlovarsko-Trentino Itas 1-3 (19-25, 20-25, 25-21, 13-25)
ČEZ KARLOVARSKO: Juhkami 3, Zaijcek 7, Sasak 16, Inhat 13, Weir 5, Keemink 1, Pfeffer (L); Lamanec 2, Kasan, Pastrnak, Wiese 12, Kocka (L). N.e. Patocka. All. Jiri Novak.
TRENTINO ITAS: Lavia 21, Podrascanin 7, Sbertoli 3, Michieletto 8, Lisinac 16, Kaziyski 11, Laurenzano (L); D’Heer 1, Nelli 1, Džavoronok 2. N.e. Cavuto, Pace, Berger, Depalma. All. Angelo Lorenzetti.
ARBITRI: Szabo di Budapest (Ungheria) e Akinci di Istanbul (Turchia)
DURATA SET: 24’, 24’, 26’, 20’; tot 1h e 34’.
NOTE: 1.450 spettatori. CEZ Karlovarsko: 5 muri, 4 ace, 19 errori in battuta, 6 errori azione, 47% in attacco, 35% (15%) in ricezione. Trentino Itas: 12 muri, 7 ace, 9 errori in battuta, 8 errori azione, 52% in attacco, 49% (29%) in ricezione. Mvp Lavia.

Vittoria in rimonta per la Sir Sicoma Monini Perugia che, dopo aver perso il primo set, espugna il palasport dello Ziraat Bank Ankara 1-3 e conquista il suo secondo successo pieno nella Pool E di Champions League.
Partita dura alla TVF SC Baskent Sports Hall con i padroni di casa autori di una prestazione di alto livello che ha costretto i Block Devils a giocare un match per larghi tratti punto a punto. Bravi davvero i bianconeri ad accettare la sfida, a sporcarsi i gomiti, a mettere aggressività e determinazione nei momenti caldi dei parziali.
Dopo un primo set condotto per gran parte e poi perso ai vantaggi 26-24, i ragazzi di Anastasi non perdono la bussola, impattando dopo un secondo parziale combattuto e chiuso da un ace di Giannelli (22-25) e mettono la freccia con una terza frazione di grande intensità sigillata dal primo tempo di Russo (20-25). Nel quarto set Perugia scappa (3-8), Ankara rimonta sul 12-12 ed apre un lungo punto a punto fino al 19-19. Leon e Rychlicki suonano la carica ed il punto finale di Semeniuk mette il fiocco alla partita (23-25).
Numeri della sfida molto equilibrati (7 ace dello Ziraat contro 8 di Perugia, 7 muri turchi contro 8 bianconeri, 45% in ricezione di Ankara contro 37% della Sir), a decidere senza dubbio il fondamentale dell’attacco dove gli uomini del presidente Sirci fanno la voce grossa (57% di squadra contro 47% dello Ziraat).
Torna Leon dal primo pallone dopo l’infortunio in Supercoppa e ne mette 18 col 50% in attacco e 3 ace, ma l’Mvp è tutto per Rychlicki miglior realizzatore dei suoi con 21 palloni vincenti, 2 ace, 1 muro ed il 69% in attacco (100% su 6 attacchi nel terzo set). Buona la prova di Solè al centro (9 punti con 4 muri), efficaci gli ingressi a gara in corso per Semeniuk, Russo e Colaci.
Punteggio pieno dunque per la Sir Sicoma Monini Perugia nella Pool E dopo due turni. Domani si torna in Italia perché domenica è tempo di big match di Superlega con Trento che arriva al PalaBarton.

IL MATCH

Torna Leon in sestetto. In campo anche Piccinelli e Solè. Subito ace del capitano bianconero, poi muro di Plotnytskyi (2-4). Muro vincente anche per Solè (3-6). Pallonetto millimetrico di Plotnytskyi, poi muro di Rychlicki (4-9). Ter Maat accorcia (6-9). Leon e la pipe di Plotnytskyi fanno ripartire Perugia (7-12). Flavio mantiene le distanze (10-15). Solè alza barricate a muro (11-17). Ace di Eksi con l’ausilio del nastro (13-17). Ace anche per Atanasov (15-18). Ancora un servizio vincente dei padroni di casa, stavolta di Bulbul, poi out Leon. Ziraat a -1 (18-19). L’ace nuovamente di Bulbul certifica la parità (19-19). Fuori Ter Maat, Perugia torna a +2 (19-21). Lo Ziraat pareggia subito (21-21). È Perugia ad arrivare per prima al set point con Solè (23-24). Atanasov manda il parziale ai vantaggi (24-24). Murato Plotnytskyi, stavolta il set point è per lo Ziraat (25-24). Chiude Ter Maat (26-24).
Leon (attacco ed ace) suona la carica in avvio di secondo set (1-4). Out Plotnytskyi (3-4). Muro turco e parità (4-4). Ace di Ter Maat con l’ausilio del nastro e lo Ziraat passa avanti (5-4). Dentro Semeniuk. Altro muro dei padroni di casa (7-5). Ace di Semeniuk che impatta (8-8). Dentro anche Russo che va subito a segno a muro (10-12). Tunistra pareggia (12-12). Avanti lo Ziraat con Atanasov (17-16). Perugia rimette la testa avanti con il contrattacco di Rychlicki (19-20). Ace di Leon (19-21). Semeniuk sulle mani alte, poi ancora Rychlicki (20-23). Ter Maat accorcia (22-23). Semeniuk gioca sul muro, set point Perugia (22-24). Ace di Giannelli, Perugia pareggia (22-25).
Equilibrio nella terza frazione (3-3). Si resta in parità dopo il primo tempo di Solè (6-6). Ace di Rychlicki (7-8). Ace di Bulbul (11-10), poi ace di Giannelli (11-12). Rychlicki tiene avanti i suoi (14-15). Out Tunistra (15-17). Semeniuk di potenza (16-19). Parallela da posto quattro di Rychlicki che poi si ripete di fioretto da posto due (18-22). Perugia non si ferma più e con l’attacco di Russo va avanti (20-25).
Russo apre la quarta frazione con due attacchi in fila (1-4). Attacco di seconda di Giannelli (2-5). Mette anche il muro il regista bianconera (3-8). Gli arbitri e Tunistra riportano vicino lo Ziraat (8-10). Ter Maat chiude l’attacco del -1 (10-11). L’ace dell’opposto olandese vale la parità (12-12). Murato Semeniuk, sorpasso Ziraat (14-13). Muro vincente di Solè che riporta avanti i suoi (15-16). Non si intendono Giannelli e Solè, i turchi capovolgono (18-17). Due in fila di Leon (18-19). Fuori Ter Maat (19-21). Il muro dei padroni di casa vuol dire ancora parità (22-22). Rychlicki chiude il contrattacco e porta Perugia al match point (22-24). Semeniuk al secondo tentativo fa scorrere i titoli di coda (23-25).

I COMMENTI

Wilfredo Leon (Sir Sicoma Monini Perugia): “Dopo la brutta caduta in Supercoppa, rientrare stasera in Champions è stato bello, mi sento bene e questa è la cosa più importante. Stasera è stata una partita dura, dopo aver perso il primo set abbiamo avuto un’ottima reazione e dimostrato la grande forza della squadra nella quale ognuno dà il suo importante contributo. Adesso torniamo in Italia per preparare la partita di domenica con Trento”.

IL TABELLINO

ZIRAAT BANK ANKARA – SIR SICOMA MONINI PERUGIA 1-3 Parziali: 26-24, 22-25, 20-25, 23-25
ZIRAAT BANK ANKARA: Eksi 1, Ter Maat 23, Bulbul 5, Gunes 8, Atanasov13, Tunistra 10, Bayraktar (libero), Yatgin, Tokgoz (libero), Tosun. N.e.: Yucel, Firincioglu, Sahin, Gedik. All. Kavaz, vice all. Soysal.
SIR SICOMA MONINI PERUGIA: Giannelli 5, Rychlicki 21, Solè 9, Flavio 1, Plotnytskyi 6, Leon 18, Piccinelli (libero), Cardenas, Semeniuk 7, Colaci (libero), Russo 7. N.e.: Herrera, Mengozzi. All. Anastasi, vice all Valentini.
Arbitri: Roy Bensimon – Kenneth Aro
LE CIFRE – ANKARA: 15 b.s., 7 ace, 45% ric. pos., 19% ric. prf., 47% att., 7 muri. PERUGIA: 21 b.s., 8 ace, 37% ric. pos., 21% ric. prf., 57% att., 8 muri.

CEV CUP MASCHILE

Bluenergy Daiko Volley Piacenza continua la sua corsa in Europa. Basta poco meno di un’ora di gioco a Bluenergy Daiko Volley Piacenza per assicurarsi il passaggio agli ottavi di finale di Cev Volleyball Cup. Bastano i primi due set, il primo vinto con autorità, il secondo combattuto fino all’ultimo punto e vinto dopo aver sprecato tre set point ma anche dovuto annullare un set point dei padroni di casa. Un grande Lucarelli, autore degli ultimi tre punti nel parziale, ha rimesso in linea di galleggiamento la barca. Missione compiuta, ora Bluenergy Daiko Volley Piacenza attende l’avversaria degli ottavi di finale che sarà una tra Craiova e Fenerbahce in programma domani in Turchia con i romeni che hanno vinto l’andata per 3-1. A giochi fatti nel terzo set spazio per tutti i biancorossi, set che sembrava già in tasca (16-20) ma alla fine vinto dai padroni di casa. Braccio di ferro nel quarto parziale ma sul 21 pari allungo deciso di Piacenza.

LA PARTITA – In avvio di gara coach Bernardi manda in campo Brizard e Romanò in diagonale, Alonso e Caneschi al centro, Lucarelli e Leal alla banda, Scanferla è il libero. VK Lvi Praga, dall’altra parte della rete, risponde con Javouch e Kollator in diagonale, Mc Carthy e Todua al centro, Krisko e Smith alla banda mentre Monik è il libero.

Due novità rispetto alla gara di andata nei due sestetti: in casa Bluenergy Daiko Volley Piacenza manca Simon e al suo posto c’è Caneschi, in casa Praga parte il mancino Kollator con Schouten in panca.

Parte subito forte la formazione biancorossa con Leal e Lucarelli (2-6), Praga piano piano recupera, il muro su Romanò vale per i padroni di casa il meno uno (7-8) ma appena Bluenergy Daiko Volley Piacenza sente il fiato sul collo allunga nuovamente: 9-13. Praga si avvicina ancora (13-14) con un ace, Piacenza allunga ancora, la bomba di Romanò vale il 14-18, i biancorossi controllano senza problemi, chiude Leal.

Manca ora vincere un solo altro set ai biancorossi per avere la certezza di essere promossi agli ottavi di finale. Il secondo parziale è equilibrato, a quota 14 le squadre viaggiano ancora a braccetto è però Praga ad avere il primo allungo deciso del parziale (18-15), grazie ad un paio di errori di Brizard e soci ed un ace subito. Time out di coach Bernardi e al rientro in campo Bluenergy Daiko Volley Piacenza accorcia: 18-17 con l’ace di Lucarelli. È parità a quota 19, si gioca punto a punto, Leal e quindi Lucarelli, biancorosso avanti di una lunghezza (22-23), set point per Piacenza con Leal (22-24), Praga ha la forza di recuperare e assicurarsi anche un set point (25-24), Lucarelli sale in cattedra, prima pareggia a quota 25, poi porta il set point ai suoi (25-26), ed infine consegna la qualificazione agli ottavi di finale con un ace.

Terzo parziale che vede in campo de Weijer al posto di Brizard e quindi Basic per Lucarelli, spazio anche per Hoffer. Dentro Recine per Romanò, set senza particolari sussulti, Piacenza viaggia bene (16-20) ma Praga recupera, trova la parità a quota 20 con un ace di Kollator e il vantaggio con un muro secco su Leal. Il set point è ceco (24-23), chiude con un pallonetto Kollator.

Nel quarto set è Praga a fare la voce grossa, il vantaggio arriva a cinque lunghezze (15-10), Piacenza pareggia i conti a quota 17 con il mani fuori di Leal e trova il vantaggio sull’errore in attacco dei padroni di casa per poi allungare (18-21). Praga impatta con un ace a quota 21, Recine, muro di Cester ed è il primo di 3 match ball, si va negli spogliatoi sull’attacco out di Praga.

“Una partita in cui dovevamo vincere i primi due set – ha sottolineato coach Bernardi – lo abbiamo fatto ma nel secondo abbiamo faticato troppo. Ci siamo adattati troppo al loro ritmo di gioco più basso del nostro e siamo andati fuori giro in fatto di concentrazione soprattutto in difesa. Poi nel terzo e quarto set ho fatto giocare tutti, ho avuto risposte di cui farò riposo ed ora vediamo di affrontate al meglio la gara di domenica con Milano che per noi è una vera e propria finale”.

 VK LVI PRAGA – BLUENERGY DAIKO VOLLEY PIACENZA 1-3

(19-25, 26-28, 25-23, 21-25)     

VK LVI PRAGA: Krisko 8, Mc Carthy 9, Kollator 26, Smith 8, Todua 4, Janouch 1, Monik (L), Vodicka 10, Schouten, Pliasetskyi, Krca, Tibitanzl 2. Ne: Salek (L), Cech. All. Barrial.

BLUENERGY DAIKO VOLLEY PIACENZA: Brizard 5, Lucarelli 12, Alonso 6, Romanò 9, Leal 23, Caneschi 5, Scanferla (L), de Weijer3, Basic 5, Recine 3, Hoffer (L), Cester 2. All. Bernardi.

Arbitri: Hakkarainen (Finlandia), Taran (Moldavia).

Note: durata set 27’, 34’, 28’ 30’ per un totale di 119’. MVP: Yoandy Leal. VK Lvi Praga: battute sbagliate 16, ace 7, muri punto 6, errori in attacco 10, ricezione 45% (24% perfetta), attacco 49%. Bluenergy Daiko Volley Piacenza: battute sbagliate 16, ace 3, muri punto 9, errori in attacco 5, ricezione 48% (21% perfetta), attacco 61%.

Modena vince 3-1 passa il turno e vola agli ottavi dove troverà Arkas Spor (TUR).
Sigla.com - Internet Partner