2016/2017

2016/2017
SEMIFINALI SUPERCOPPA ITALIANA MASCHILE 2016 DI SUPERLEGA
Modena - 24/09/2016
 
AZIMUT MODENA - DIATEC TRENTINO 3-1 (25-19, 25-23, 21-25, 25-23)
AZIMUT MODENA: Cook, Petric 10, Orduna 3, Massari, Rossini (L), Ngapeth E. 30, Le Roux 3, Piano, Holt 9, Vettori 4. N.e. Ngapeth S., Onwuelo, Salsi. All. Roberto Piazza.
DIATEC TRENTINO: Nelli 4, Antonov, Blasi, Giannelli 5, Lanza 8, Solé 12, Colaci (L), Stokr 4, Urnaut 16, Mazzone 8. N.e. Burgsthaler, Mazzone, Chiappa. All. Angelo Lorenzetti.
ARBITRI: Simone Santi e  Andrea Puecher.

CUCINE LUBE CIVITANOVA - SIR SAFETY CONAD PERUGIA 1-3 (22-25, 25-21, 29-31, 19-25)
CUCINE LUBE CIVITANOVA: Sokolov 14, Candellaro 5, Pesaresi, Kaliberda 4, Juantorena 18, Casadei 2, Stankovic 9, Jaumel, Cester 3, Grebennikov (L), Corvetta 1, Cebulj 8. N.e. Randazzo. All. Gianlorenzo Blengini.
SIR SAFETY CONAD PERUGIA: Russell 14, Zaytsev 21, Della Lunga, Mitic, Berger 11, De Cecco, Bari (L), Birarelli 9, Podrascanin 12. N.e. Buti, Tosi, Chernokozhev, Franceschini, Atanasijevic. All. Slobodan Kovac.
ARBITRI: Armando Simbari e Fabrizio Pasquali.
 
FINALE 3°-4° POSTO SUPERCOPPA ITALIANA MASCHILE 2016 DI SUPERLEGA
Modena - 25/09/2016
Cucine Lube Civitanova-Diatec Trentino 3-2 (23-25, 25-20, 21-25, 26-24, 20-18)
CUCINE LUBE CIVITANOVA: Sokolov 24, Candellaro 8, Pesaresi, Kaliberda 15, Casadei 1, Jaumel, Cester 10, Grebennikov (L), Randazzo 2, Corvetta 1, Cebulj 12. N.e. Juantorena, Stankovic. All. Gianlorenzo Blengini.
DIATEC TRENTINO: Nelli 3, Antonov, Blasi, Giannelli 9, Lanza 11, Solé 14, Colaci (L), Stokr 22, Urnaut 11, Mazzone D. 12. N.e. Burgsthaler, Mazzone T., Chiappa. All. Angelo Lorenzetti.
ARBITRI: Andrea  Puecher e Armando Simbari.
 
FINALE 1°-2° POSTO SUPERCOPPA ITALIANA MASCHILE 2016 DI SUPERLEGA
Modena - 25/09/2016
Azimut Modena - Sir Safety Conad Perugia 3-2 (25-22, 19-25, 25-22, 24-26, 17-15)
AZIMUT MODENA: Cook 1, Petric 19, Orduna 2, Massari, Rossini (L), S. Ngapeth, E. Ngapeth 20, Le Roux 3, Piano 7, Holt 11, Vettori 14. N.e. Onwuelo, Zanni. All. Roberto Piazza.
SIR SAFETY CONAD PERUGIA: Russell 18, Zaytsev 23, Della Lunga, Mitic, Berger 11, De Cecco 3, Bari (L), Birarelli 8, Podrascanin 14. N.e. Buti, Tosi, Chernokozhev, Franceschini. All. Slobodan Kovac.
ARBITRI: Matteo Cipolla e Daniele Rapisarda.

Del Monte® Supercoppa 2016: PalaPanini tutto esaurito per il successo dell’Azimut Modena al tie break contro la Sir Safety Conad Perugia. E’ il terzo trofeo. Un successo maturato con un maxi recupero nel quinto set. Il capitano Petric è Del Monte® MVP
 
La prima istantanea della stagione 2016/17 mostra la squadra dell’Azimut Modena schierata di fronte ai tifosi del PalaPanini in festa per la conquista della seconda Del Monte® Supercoppa di fila. La prima della gestione Piazza e la terza nella storia del Club. Un successo raccolto al tie break contro la Sir Safety Conad Perugia al culmine di una gara tanto rocambolesca, quanto spettacolare e incerta, per la presenza in campo di due squadre di valore. Un risultato storico, anche perché il primo assoluto con la nuova formula allargata 4 squadre.
Il trofeo tricolore, posato nelle mani del capitano Petric dalla Presidente di Lega Pallavolo Serie A, Paola De Micheli, arricchisce il palmares emiliano dopo la Supercoppa vinta nella seconda edizione della torneo nel 1997 a Napoli, in cui la squadra allenata da Pupo Dall’Olio riuscì a battere per 3 a 1 l’Alpitour Traco Cuneo di Silvano Prandi, e dopo la vittoria del 2015, sempre al tie break, ma con Angelo Lorenzetti alle redini, contro la Diatec Trentino di Radostin Stoytchev.
Clima di sconforto per gli sconfitti, a un passo dalla prima Del Monte® Supercoppa della loro storia, consapevoli di aver sprecato un vantaggio di cinque punti e un match point al tie break dopo una partita giocata in rincorsa nel computo dei set. Grande gioia con il trofeo al cielo per gli emiliani, reduci dal triplete della seconda stagione e capaci di riprendere il cammino con un exploit nella giornata aperta dalla vittoria della Cucine Lube Civitanova al quinto set nella finalina con la Diatec Trentino e proseguita con l’euforia del palazzetto.
Prima della Finalissima introduzione e interviste brillanti del giornalista Lorenzo Dallari, per l’occasione secondo speaker della coppia ben assortita con Pietro Di Alessandri. Suggestiva l’esecuzione dell’Inno di Mameli suonato live a centro campo dalla Del Monte® Volley Band, che ha fatto cantare tutti insieme gli spettatori negli attimi precedenti all’ingresso degli atleti.
La Azimut Modena di Roberto Piazza è entrata in campo con Orduna al palleggio per l’opposto Vettori, al centro Holt e Le Roux, in banda Ngapeth e Petric, libero Rossini. I Block Devils di Slobodan Kovac hanno schierato De Cecco al palleggio per Zaytsev terminale offensivo, il capitano della nazionale Birarelli e Podrascanin al centro, Russel e Berger in banda, Bari libero in alternanza con Tosi.
L’avvio del match è caratterizzato dalla partecipazione sonora del pubblico. In campo equilibrio con un break per parte e le formazioni francobollate sul 12-12. Il lungolinea fuori di poco scoccato da Vettori manda avanti Perugia (14-16), che fa le prove di fuga con Birarelli (14-17). La partenza perfetta del palleggiatore De Cecco garantisce ai compagni una circolazione del pallone fluida ma sul 20-22 un’invasione perugina scovata dal Video Check riapre i giochi invertendo il 23esimo punto (21-22). Kovac chiama a rapporto i suoi. Al rientro un mani out di Petric, un attacco perugino murato, l’ace di Holt e il gioco di sponda di Petric affondano Perugia, messa kappaò da una serie negativa di 5 punti.
Nel secondo set la Sir Safety rientra in campo con tanta rabbia agonistica e mette sotto i padroni di casa doppiandoli nel punteggio (4-8). L’allungo arriva con il mani out targato Zaytsev e il successivo ace di Russel (10-16). I Campioni d’Italia sono in balia degli umbri che dilagano con il proprio opposto (12-20). Nel finale Modena cerca la rimonta con il servizio di Holt, autore di 7 punti nel set, ma il centrale medaglia di bronzo ai Giochi di Rio viene tradito dal nastro (19-25). Con il 68% di efficacia in attacco contro il 48% degli emiliani, i Block Devils certificano la vittoria di un parziale giocato con una discreta continuità anche al servizio.
Nel terzo set un giro a vuoto della Sir Safety vede una fuga in piena regola dei canarini (12-7). Fondamentale il supporto di Piano subentrato dalla panchina. Gli uomini di Kovac non mollano e si portano a - 2 sull’attacco di Russel (13-11). Come sentono la pressione, Ngapeth e compagni allungano (15-11), ma nel cuore del set sono due leggerezze degli emiliani a tenere viva la contesa (19-17). L’acuto di Zaytsev gela i tifosi modenesi sugli spalti (20-19) e sembra dare credito alle speranze di rimonta dei Block Devils. L’attacco di Petric e il muro di Piano sono come oro per Modena (23-20), almeno quanto il diagonale di Ngapeth (24-21). Alla seconda palla set l’Azimut passa con il mani out del francese (25-22).
Nel quarto set partenza sprint dei grifoni (3-7). La Sir Safety continua a macinare gioco e si porta sul + 8 con un tocco a rete di De Cecco (4-12). I padroni di casa puntano sul servizio per riequilibrare il parziale, ma gli avversari controllano il gioco con disinvoltura (14-19) per due terzi del match. Sul 15-22 Holt sale in cattedra al servizio aumentando il forcing (21-22). Nel finale l’errore di Vettori dai 9 metri regala due set point a Perugia, ma Podrascanin non fa meglio (23-24). Il muro di Orduna riporta in parità il set (24-24). Finale al cardiopalma con un attacco vincente e un muro di Zaytsev (24-26). Modena pericolosa al servizio, Perugia superiore in tutti gli altri fondamentali.
Al tie break avvio fulmineo della Sir Safety (3-8). Sul 6-9 nelle file di Perugia entra Della Lunga per Russel, ma Birarelli e Zaytsev incassano due block (8-9). Berger cerca di esorcizzare i fantasmi degli umbri (8-10). I padroni di casa inanellano tre punti di fila firmando il sorpasso con due capolavori di Ngapeth (11-10), capace di firmare anche il sigillo del 12-10. Nel finale i Block Devils riacciuffano il pareggio con il muro di Zaytsev (23-23). L’opposto degli umbri risponde a Holt e si ripete firmando il sorpasso con un ace baciato dal nastro (14-15). Petric e Le Roux capovolgono il punteggio per poi esultare sull’ace vincente di Holt (17-15).
Del Monte® MVP Nemanja Petric (Azimut Modena)
 
Le dichiarazioni
Roberto Piazza (allenatore Azimut Modena): “Vincere è bellissimo, ma farlo a Modena penso sia davvero qualcosa di difficilmente spiegabile, è una gioia immensa, davanti a un pubblico che è stato straordinario. Complimenti a Perugia, una grande squadra, che ha dato vita a una partita di altissimo livello”.
Nemanja Petric (Azimut Modena): “E’ la prima vittoria come capitano e non posso non dire che sono orgoglioso di questa Società e di questa squadra. Non era facile vincere subito, ce l’abbiamo fatta ed è stato spettacolare. Grazie ai nostri tifosi, sempre fantastici”.
Luciano De Cecco (Sir Safety Conad Perugia): “Ci dispiace molto. Abbiamo avuto l’occasione stasera, ma non siamo riusciti a spuntarla. Abbiamo giocato al massimo delle nostre attuali possibilità, sappiamo di avere molte cose da migliorare e credo che il risultato di questa due giorni sia comunque positivo, pur se è evidente che avrei preferito vincere. Faccio i complimenti a Modena che ha fatto una gran partita. Sinceramente mi dispiace parlare dopo una sconfitta e voglio che in futuro questo cambi”.
Dore Della Lunga (Sir Safety Conad Perugia): “Quando perdi una finale 17-15 al tie break forse gioca anche un po’ di fortuna, ma mi piace pensare che uno la fortuna se la procura. Quindi probabilmente Modena se l’è procurata ed ha vinto con merito. Non va sminuito nulla, perché in palio stasera c’era sempre un trofeo, ma abbiamo capito che siamo al pari delle altre, abbiamo spunti per allenarci, abbiamo un giocatore fondamentale come Atanasijevic ancora fuori ed abbiamo tempo per lavorare: la stagione ora ci metterà davanti altri trofei”.
Al link http://www.legavolley.it/Photogallery.asp o dal banner in home page è possibile scaricare le immagini del match
Sigla.com - Internet Partner