World Grand Prix: l'Italia supera 3 a 1 l'Argentina

06/08/2011

Bosetti supera il muro dell'ArgentinaBosetti supera il muro dell'Argentina
Bosetti supera il muro dell'Argentina
ITALIA-ARGENTINA 3-1 (25-17, 23-25, 25-20, 25-18)
ITALIA: Rondon 5, Bosetti 16, Guiggi 9, Crisanti 3, Barcellini 5, Garzaro 12, Leonardi (L), Arrighetti 7, Ortolani 11, Costagrande 4. N.e. Cardullo, Ferretti. All. Barbolini.
ARGENTINA: Nizetich 8, Fresco 17, Gildenberger 8, Sosa 13, Carlotto 8, Curatola 7, Gaido (L), Bortolozzi, Boscacci 3, Castiglione. N.e. Pereyra, Jersomsky, All. Bastit.
Durata set: 21, 29, 27, 26. Italia: bv 7, bs 4, mv 11, e 12. Argentina: bv 4, bs 11, mv 15, e 27.

Seconda vittoria dell’Italia World Grand Prix. Le azzurre hanno superato per 3-1 l’Argentina al termine di una gara utilizzata dal ct Barbolini per fare delle prove, considerato il non eccelso valore dell’Argentina alla sua prima partecipazione nel torneo. Così in avvio si è vista un’Italia con tre centrali in campo, poi per non correre rischi dopo aver ceduto di misura il secondo set, si è ritornati allo schieramento tradizionale.
Una esibizione comunque positiva, in vista della sfida con la Polonia di domani che assegnerà la vittoria nel quadrangolare.
Il match è iniziato con un’ora di ritardo. Barbolini ha stravolto la formazione azzurra operando quattro cambi rispetto al match d’esordio con la Repubblica Dominicana. Il tecnico modenese ha lasciato in panchina Ortolani, Costagrande, Arrighetti e Cardullo, sostituendole rispettivamente con Crisanti (schierata nell’insolita posizione di opposto all’alzatrice), Barcellini, Garzaro e Leonardi. Insomma in campo è scesa in campo con una formazione a trazione “centrale” con ben tre specialiste del ruolo nel sestetto.
L’Italia dopo una bella partenza firmata da due punti di Garzaro ci ha messo un po’ prima di trovare il giusto ritmo. Le azzurre hanno piazzato il primo break sul 7-5, poi sullo slancio sono volate 14-7. Non tutto ha funzionato per il meglio. Barcellini marcata dalle sudamericane ha commesso qualche errore e l’Argentina ha operato un buona rimonta, arrivando a meno due nel punteggio, ma non ha dato mai l’impressione di impensierire Rondon e compagne. Il sestetto tricolore ha ripreso subito il comando delle operazioni e chiuso 25-17.
Anche l’inizio del secondo set è sembrato confortare le scelte di Barbolini. Senza strafare, giocando una pallavolo ordinata, le azzurre si sono portate sull’11-7, poi hanno progressivamente smarrito il bandolo della matassa. L’Argentina ha rimontato, poi ha allungato. Sul 15-15 pari Arrighetti ha sostituito Guiggi, poi sul 15-18 è entrata Ortolani nel suo ruolo di opposto. Le azzurre hanno cercato la rimonta, senza successo e le sudamericane si sono imposte 25-23.
Il successo parziale ha rafforzato il morale dell’Argentina, che ha cercato di contrastare l’Italia anche nel terzo. Barbolini ha confermato in campo Ortolani ed Arrighetti, poi ha inserito anche Costagrande. Per Carolina un’altra prima volta, oggi contro le sue connazionali. Le azzurre sono apparse più equilibrate, hanno dovuto lottare, ma alla fine3 si sono imposte per 25-20.
Nel quarto set il ct italiano ha deciso di ridurre i rischi, ha schierato la formazione titolare, quella che aveva battuto la Dominicana. Le azzurre si sono portate avanti a metà parziale 13-8 e si sono imposte 25-18.
Domani ultimo impegno in terra polacca alle 15.30 contro le padrone di casa.
GRAND PRIX - primo Week end: Pool A: 5/8 Polonia-Argentina 3-0; Italia-Dominicana 3-1; 6/8 Polonia-Dominicana 2-3 (25-21 17-25 24-26 25-23 16-18), Italia-Argentina 3-1 (25-17 23-25 25-20 25-18); 7/8 Polonia-Italia (15.30), Dominicana-Argentina. Pool B: 5/8 Russia-Cuba 3-1, Thailandia-Perù 3-0; 6/8 Perù-Russia 0-3 (12-25 9-25 14-25), Cuba-Thailandia 2-3 (25-23 25-17 26-28 23-25 10-15); 7/8 Perù-Cuba, Russia-Thailandia. Pool C: 5/8 Brasile-Giappone 3-0, Korea-Germania 3-1; 6/8 Korea-Giappone 0-3 (20-25 22-25 23-25), Brasile-Germania 3-1 (25-21 23-25 25-15 25-23); 7/8 Korea-Brasile, Giappone-Germania. Pool D: 5/8 Serbia-Usa 2-3, Cina-Kazakhistan 3-0; 6/8 Kazakhistan-Usa 0-3 (15-25 21-25 12-25), Cina-Serbia 1-3 (21-25 25-23 21-25 18-25); 7/8 Cina-Usa, Serbia-Kazakhistan.
Classifica: Brasile, Russia, Italia 6, Thailandia, Usa 5, Serbia, Polonia 4, Cina, Corea del Sud, Giappone 3, Dominicana 2, Cuba 1, Germania, Argentina, Perù, Kazakhistan, 0.
TV – Tutte le gare delle azzurre saranno trasmesse in diretta da La7D e in streaming su La7.it
Sigla.com - Internet Partner