World League: ancora un 3-0 alla Cina, ottava vittoria per l'Italia

03/07/2010

World League: ancora un 3-0 alla Cina, ottava vittoria per l'Italia
CINA-ITALIA 0-3 (17-25, 25-27, 21-25)
CINA: Liang 6, Yuan 1, Zhong 6, Bian 9, Li, Chen 11. Libero: Ren. Shen 6, Zhang , Non entrati: Jiao, Yu. Ding. All. Zhou.
ITALIA: Maruotti 11, Birarelli 6, Fei 21, Parodi 11, Mastrangelo 8, Vermiglio 2. Libero: Marra. Travica. Non entrati: Zaytsev, Buti, Lasko. Cernic. All. Anastasi.
ARBITRI: Azevedo (Por) e Joo (Kor).
Spettatori: 6800. Durata set: 20, 41, 23. Cina: battute vincenti 3, battute sbagliate 7, muri 2, errori 11.
Italia: bv 4, bs 15, m 10, e 9.
L’Italia ha vinto ancora sulla Cina per 3-0 e per una giornata si gode il primato in classifica nella pool B in attesa del match di domenica tra Serbia e Francia. Qualunque sia il risultato di questa gara, per la qualificazione saranno decisive le due gare di Belgrado tra azzurri e serbi.
Questa volta obbligato dal leggero infortunio occorso in gara1 a Savani, Anastasi ha cambiato ancora la linea dei ricevitori, schierando Parodi accanto a Maruotti. L’Italia è partita forte portandosi subito 4-0, ma poi ha iniziato a sbagliare al servizio (alla fine saranno ben 8 le battute non arrivate nel campo avversario) e la Cina senza fare nulla di particolare si è ritrovata a passare in vantaggio 8-7. Il tempo tecnico ha permesso ad Anastasi di tranquillizzare il suo sestetto e di sistemare qualcosa a muro. L’Italia ha ripreso slancio e portato a casa il primo parziale 25-17.
Nel secondo l’Italia sbaglia meno in battuta, ma non riesce a dare continuità alla sua azione, al contrario la Cina fa il massimo sforzo per ritornare in parità. Si arriva al 21-17 per i padroni di casa e gli azzurri si scuotono arrivano ad un passo dal pareggio sul 22-23 la partita si ferma per quasi 10 minuti. Il tecnico cinese manda in campo al posto di un giocatore di azione il secondo libero Ding, per regolamento non può farlo. Le proteste della panchina italiana sono accese. Il supervisor Fivb, il kuwaitiano invita a riprendere il gioco, con un ace di Parodi l’Italia pareggia, poi spreca banalmente il contrattacco del sorpasso, ma i giudici consultato il regolamento danno ragione all’Italia e riportano indietro il punteggio sul 23-23. La Cina ha egualmente due chance per far suo il parziale, ma ha ha finito con il cedere 27-25. Nel set finale italiana avanti anche 9-4, cinesi che rimontano sino al 18-18, poi Parodi e Fei fanno la differenza e la gara si chiude sul 25-21
Quinto weekend - Pool A: Corea del Sud-Brasile 1-3, Bulgaria-Olanda; Classifica: Brasile 22, Bulgaria 19, Olanda 10, Corea del Sud 0. Pool B: Cina-Italia 0-3, 0-3. Serbia-Francia 3-1; Classifica: Italia 24, Serbia 23, Francia 6, Cina 4. Pool C: Finlandia-Russia 0-3, Egitto-Stati Uniti 2-3; Classifica: Russia 26, Stati Uniti 18, Finlandia 6, Egitto 4. Pool D: Germania-Argentina 3-1, 3-1; Polonia-Cuba 0-3. Classifica: Cuba 21, Germania 19, Polonia 15, Argentina 2.
Sigla.com - Internet Partner