World League: l'Italia supera la Corea al tie break

01/07/2012

World League: l'Italia supera la Corea al tie break
ITALIA-COREA DEL SUD 3-2 (25-16, 20-25, 25-21, 27-29, 15-12)
ITALIA: Savani 18, De Togni 10, Travica 3, Zaytsev 20, Fei 14, Lasko 16, Bari (L), Giovi (L), Parodi 1, Boninfante, Papi. N.e. Birarelli. All. Berruto.
COREA DEL SUD: Kim 15, Choi M. 6, Jeon 20, Kwon, Ha 6, Song, Yeo (L), Choi H. 15, Han 1, Lee K., Bu. N.e. Lee S.. All. Park Ki-Won.
ARBITRI: Eizovits (Isr) e Stahl (Usa).
Durata set: 20, 25, 25, 30, 14. Italia: bs 25, a 8, mv 16, e 14. Corea del Sud: bs 22, a 3, mv 7, e 8.
Dallas. Ancora un tie-break per gli azzurri questa volta vincente. Savani e compagni restano in campo oltre due ore ed alla fine hanno ragione della Corea del Sud, come al solito combattiva e mai arrendevole.
Dopo la sfida perduta con la Francia Mauro Berruto si era augurato che i suoi ragazzi rimanessero in campo il più possibile, perchè dopo tanto lavoro in palestra c'è bisogno di giocare per trovare la condizione migliore. Il desiderio del tecnico torinese è stato esaudito, perchè dopo un primo set di marca azzurra, si è visto un match equilibrato, con qualche errore di troppo, ma tanto agonismo.
L'Italia ha fatto vedere cose buone, ma anche diverse lacune. Alcuni black-out le sono costati il secondo e il quarto set perduto nonostante una significativa rimonta da 16-20 e quattro set-point annullati.
Berruto non ha voluto rischiare Birarelli (che nel finale della gara con la Francia ha accusato un leggero dolore alla schiena) al suo posto ha schierato Giorgio De Togni. Nonostante i due lunghi viaggi affrontati in pochi giorni, il centrale ex-Belluno ha fatto pienamente la sua parte togliendosi la soddisfazione di mettere a segno l'ultimo punto sia nel terzo, che nel decisivo tie-break.
Bene Zaytsev e Savani, che nel finale è stato sostituito da Parodi. In crescendo la prestazione di Lasko. Sopra a tutti quella di Fei, che nella seconda parte è stato decisivo con i suoi muri. Travica anche lui è partito con qualche difficoltà, poi nel momento importante ha retto bene la scena.
La notte prossima (ore 2.30 italiane) gli azzurri chiudono gli impegni nel Texas contro i padroni di casa statunitensi.
SAVANI: "Come ho detto dopo la prima gara ancora la nostra condizione non è ottimale e lo si vede dagli alti e bassi che mostriamo in partita. La Corea ha confermato di essere una squadra combattiva, difficile da affrontare e da battere."
FEI: "I coreani sono molto bravi, fanno tutto benissimo. Non è affatto facile giocarci contro. Noi siamo ancora "intasati" dalla preparazione e in alcuni momenti andiamo in difficoltà. Ma va bene così abbiamo vinto e giocato a tratti anche una buona pallavolo."
DE TOGNI: "la condizione non può essere la migliore. I miei compagni stanno "caricando" molto per arrivare al massimo all'obiettivo di questa annata che che sono le Olimpiadi."
Sigla.com - Internet Partner